“Lasciata senza” nella caverna immaginaria della depressione

Sono perduta senza una ragione

Il motivo per vivere mette fine al motivo di esistere

Le nubi fameliche e le luci d’emergenza

Sembrano guidare la mia anima.

Riesco a camminare solo alla luce dell’oscurità

Trovo sollievo nei vasi rotti

Barattando la mia vita per te

Mentre annego nei sogni più strani

Desiderando nient’altro che il bacio della vita

Ma in quale conchiglia dovrei trovarlo?

La mia fama si espande nel mondo

Ne sono rimasta schiacciata

Non ho mai cercato di comunicare né ho mai capito

Le vie della vita sembrano cingere la mia, di vita

Ho perso il controllo e la speranza in nome dell’amore

Sono pronta soltanto a dare un’altra possibilità.

La vita ora è solo più fredda e più calda,

Sono immobile come una roccia, così rigida

Le difficoltà che affronto per te

Mi fanno sempre tornare da te

Solo per poi imprecare e rientrare nella mia caverna immaginaria.

*******

[Traduzione di Gaia Resta]

Link all’originale

Su gentile concessione dell’autrice

Akimana Divine è una poetessa ruandese, sostenitrice della cura della salute mentale e attivista per i diritti umani. È membro del Parliament of Eastern African Youth Assembly (Vijana Assembly). Le sue poesie sono state pubblicate su diverse riviste: Atunispoetry in Belgio, Miombopublishing, Womanword, in un antologia intitolata Beauty of failure e su numerose piattaforme.

Attualmente sta lavorando al suo primo libro di poesie che vedrà presto la pubblicazione.

Alcuni eventi della sua vita lasciano il segno dentro di lei: sin da ragazzina viene bullizzata per il suo peso e in seguito si ritrova ad essere una madre single, il padre di suo figlio, infatti, la lascia quando è ancora incinta. La poesia è sempre stata il suo rifugio dalla tempesta, come lei stessa ci ha raccontato: “Lotto sempre contro la depressione e non riesco a parlare con nessuno dei pensieri che si affollano nella mia testa, allora scrivo poesie“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.