“Poesia, Dolore, Lame e Grazia” in una notte di urla e silenzio

Ci saranno giorni in cui la società caricherà le nostre spalle di pressioni e aspettative eccessive.
Non ci saranno mai giorni in cui ci insegneranno a gestire la pressione.

Ci saranno notti silenziose in cui urlerai a squarciagola.
Ci saranno notti rumorose in cui perderai la voce per non ritrovarla mai più.

Scriverai poesie, ti rivolgerai al mondo gridando, tra paragrafi e strofe.
Scriverai poesie di sorrisi. Ma le scriverai con sguardo triste.

Che cosa farai in quelle notti? Quando nessuno riesce a dissuaderti dall’idea del suicidio?

Quando l’unica cosa che le tue mani riescono a fare è spalancare finestre?
Quando tutte le spalle a cui cerchi di appoggiarti invece ti passano corde e lame?

In quelle notti berrai fino a far annegare la tua anima.

Perché il mondo tacerà. Perché la tua voce non sarà forte abbastanza.

Perché la società ritiene che il suicidio non sia un’opzione.
Perché non lo è mai stata davvero.

Troverai consolazione nel dolore.

Perché la sofferenza peggiore non è nel procurarci tagli sulla pelle.
La sofferenza peggiore non deriva dalle lame o dalla morte.

La sofferenza peggiore è quella che ti priva della voglia di vivere.

******

[Su gentile concessione dell’autore]

Traduzione di Gaia Resta

Link alla versione originale

Brian Kipruto (aka Young Nino) è uno scrittore e poeta keniota di 23 anni, nato e cresciuto a Sotik. Considera la poesia come una voce che squarcia il silenzio tra una strofa e l’altra. Uno strumento che impiega per comunicare emozioni, creare consapevolezza sui temi relativi alla salute mentale, criticare e lodare ciò che ritiene necessario, esprimersi contro i vizi della società così come promuovere il dialogo.

Ha vinto il Mistari Bank Award nella categoria Best Male Poet of the Year 2020, e gli è stato conferito nel 2019 l’Ayomide D’Great Writer of the Year Award.

La poesia è per lui una vera passione, l’unica lingua parlata dall’amore; è- dice “ciò che da una parte fa sì che il mondo non impazzisca e dall’altra è come una ragazza magnificamente vestita di metafore che, al primo soffio di vento, rivela di indossare biancheria sporca. Perché la poesia può nascondere il brutto dentro di sé“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.