Perché bisogna decolonizzare gli studi eurocentrici sulla disabilità

Corpi piegati alla disabilità con la violenza, con le punizioni. Azioni che tendevano a soggiogare la persona ma anche a mostrare il segno del potere, potere di ogni genere su individui importanti, appunto, solo per il loro corpo. Pensiamo alle piantagioni degli Stati schiavisti, dove il corpo, valeva tanto quanto e fino a quando riusciva a produrre.

E c’è poi lo stigma sulla disabilità, uno stigma importato e prima sconosciuto a popolazioni indigene. È il caso, ad esempio, di come storicamente in Botswana le menomazioni – non poter camminare o la cecità – non erano considerate disabilità ma condizioni “normali” e collegate alla capacità di connessione con gli spiriti e ad altre abilità.

Il colonialismo – e la supremazia della razza – hanno creato modelli e quadri di riferimento anche nel concetto di disabilità e nelle sue categorizzazioni.

Lo affermano recenti studi come quello di Shaun Grech Decolonizzare gli studi eurocentrici sulla disabilità in cui, riprendendo un’ampia gamma di lavori di altri studiosi e accademici (non può mancare Fanon) spiega i motivi per cui tutte le questioni legate al colonialismo hanno un’enorme rilevanza sul dibattitio sulla disabilità nel Sud del mondo.

(un estratto)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.