Sessualità e disabilità, connubio intriso di stereotipi e pregiudizi

Il mancato godimento dei “diritti sessuali e riproduttivi” da parte delle persone disabili non conosce confini geografici. Da Nord a Sud del mondo, tabù e discriminazioni ruotano intorno alla loro vita affettiva e sessuale. Un atteggiamento – comune ai diversi sistemi sociali e culturali – che trae origine dall’errata percezione del disabile in quanto tale e dalla distorta rappresentazione dei suoi desideri intimi. One Global Voice ne ha parlato con la dottoressa Francesca Dorigatti – Pedagogista nei servizi educativi di Anffas Trentino Onlus e Consulente sessuale.

Leggi il seguito

Africa e diritti dei disabili, una promessa giuridica mancata

L’approvazione, nel 2018, del Protocollo sui diritti delle persone con disabilità addizionale alla Carta Africana dei diritti umani e dei popoli, è stata accolta da più parti con grande plauso, nella convinzione che il nuovo strumento giuridico regionale avrebbe determinato la tutela effettiva dei diritti umani degli 80 milioni di disabili africani. A distanza di quasi 3 anni, il Protocollo non è però ancora entrato in vigore. Gli Stati non sono quindi vincolati dagli obblighi in esso contenuti. E la vita delle persone africane con disabilità continua a essere costellata da gravi discriminazioni e abusi.

Leggi il seguito

Donne disabili e molestie sessuali, nota congiunta Enti ONU

La dichiarazione di UN Women, Comitato per l’eliminazione di ogni forma di discriminazione nei confronti delle donne e Comitato sui diritti delle persone con disabilità, del 22 ottobre scorso, affronta il tema delle molestie sessuali sulle disabili.

Leggi il seguito

Protocole à la Charte africaine relatif aux droits des handicapés

Le Protocole à la Charte africaine des droits de l’homme et des peuples, relatif aux droits des personnes handicapées – adopté en 2018 – vise à assurer une réelle jouissance des droits de l’homme par les personnes handicapées en Afrique.

Leggi il seguito

Il Protocollo alla Carta africana sui diritti delle persone disabili

Il Protocollo sui diritti delle persone con disabilità addizionale alla Carta Africana dei diritti umani – adottato nel 2018 – si pone l’obiettivo di garantire una reale fruizione dei diritti umani da parte dei disabili africani.

Leggi il seguito

Autismo e inclusione scolastica, la CEDU condanna l’Italia

La Corte Europea dei Diritti dell’Uomo condanna l’Italia per non aver fornito un adeguato sostegno scolastico a una bambina affetta da autismo non verbale in violazione del divieto di discriminazione (art. 2, Convenzione EDU) e del diritto all’istruzione (art. 2, Protocollo 1).

Leggi il seguito

Convenzione sui diritti delle persone con disabilità. Trattato storico

La CRPD è il primo strumento giuridico a carattere universale che fornisce alle persone con disabilità un’ampia gamma di garanzie per il pieno ed equo esercizio dei diritti fondamentali in ogni aspetto della loro vita.

Leggi il seguito

Giustizia “disabile”, il tortuoso cammino per l’esercizio dei diritti

L’art. 13 della Convenzione sui diritti delle persone con disabilità sancisce espressamente – per la prima volta sul piano internazionale – il diritto di “accesso alla giustizia”. Nonostante il tenore della norma sia chiaro e puntuale, i portatori di handicap continuano ad affrontare sfide quotidiane per riuscire a far valere le proprie istanze. I sistemi giudiziari presentano, infatti, significative barriere che alimentano discriminazioni e diseguaglianza. Al fine di abbattere tali ostacoli, lo scorso 28 agosto, sono stati pubblicati “The International Principles and Guidelines on Access to Justice”.

Leggi il seguito

Diritti dei disabili, storia di una Convenzione internazionale

La Convenzione sui diritti delle persone con disabilità – entrata in vigore il 3 maggio 2008 – rappresenta il primo strumento giuridico a vocazione universale teso a garantire e promuovere il pieno ed equo godimento dei diritti umani e delle libertà fondamentali da parte dei disabili. Segna, inoltre, il definitivo superamento del paradigma medico nella trattazione della disabilità e l’affermazione di quello sociale. Nonostante 181 Paesi ne siano parte, in diverse aree del mondo permangono barriere economiche, politiche e culturali, che impediscono ai portatori di disabilità una vita “normale”.

Leggi il seguito